NBA - Michele Roberts confermata guida NBPA ironizza sul salary cap

11.07.2018 07:42 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 294 volte
NBA - Michele Roberts confermata guida NBPA ironizza sul salary cap

Nominata a capo del sindacato dei giocatori NBA nel 2014, Michele Roberts ha riordinato l'associazione dopo i guai del periodo di Billy Hunter, che era stato licenziato a seguito di accuse di nepotismo e cattiva gestione.

Da allora, l'avvocato 62enne ha negoziato l'ultimo contratto collettivo con Adam Silver, con cui le relazioni sono abbastanza buone. Quel che è certo è che la sua gestione soddisfa i giocatori poiché Michele Roberts è stata appena rieletta per altri  quattro anni alla testa del sindacato. Ma mentre aveva ricevuto 32 voti su 36 nel 2014, ieri è stata nominata all'unanimità.

La Roberts ha commentato con ironia i risultati abbastanza sconcertanti dell'ultima free agency che il nuovo contratto collettivo e l'esplosione del salary cap (+24 milioni di dollari disponibili per squadra, per un totale di 3,7 miliardi che ha mandato alcune con i conti in rosso) ha provocato. Nel bene e nel male, visto che giocatori come Chandler Parsons (94 milioni in quattro anni), Joakim Noah (73 milioni in quattro anni), Luol Deng (72 milioni di euro in quattro anni) e Timofey Mozgov (64 milioni in quattro anni) hanno firmato contratti che sono diventati tossici per i franchising.

La Roberts respinge le accuse di non aver voluto un livellamento maggiore dei singoli contratti (più giocatori bene pagati con un tetto massimo più basso) affermando che i consiglieri economici della NBPA avrebbero detto che non conveniva ai giocatori. Per cui se Golden State ha usato bene (visti i risultati) le possibilità offerte dal nuovo sistema riuscendo a confermare le sue quattro stars e aggiungendo DeMarcus Cousins non è colpa del sindacato ma delle altre franchigie che non sono riuscite a muoversi allo stesso modo.