La nuova serie A, 15 – CREMONA: Ripescaggio e rivoluzione nel segno di Sacchetti

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1196 volte
La nuova serie A, 15 – CREMONA: Ripescaggio e rivoluzione nel segno di Sacchetti

di Massimo Roca.

Una storia simile a quella vissuta da Avellino nell’estate del 2006. All’inferno e ritorno: anche Cremona si è calata nel ruolo. Prima la retrocessione sul campo, poi l’esultanza per il ripescaggio in seguito all’esclusione della Juve Caserta. In realtà in casa Vanoli non ci si era persi d’animo.

SACCHETTI E I DIENER - L’arrivo di Meo Sacchetti, prima ancora che fosse nominato erede di Ettore Messina sulla panchina azzurra, ha dato il segnale della volontà di un’immediata risalita. La campagna acquisti già abbozzata per la serie A2 ha inevitabilmente indirizzato il format: cinque americani e cinque italiani. Record di conferme: zero. Il repulisti è stato completo. I primi ad arrivare sono stati due fedelissimi di Sacchetti ai tempi di Sassari: i cugini Diener. Se al piano inferiore sarebbero stati delle fuoriserie, in serie A avranno il ruolo di cambio di lusso vista anche l’età (35 e 36 anni). Per Travis, play della nazionale italiana agli Europei del 2013, si tratta di un ritorno sui campi dopo tre anni di inattività in cui ha lavorato con la squadra dell’Università di Marquette. Il ritorno sul parquet dell’ex Orlando, Indiana e Portland (854 punti in 179 partite nelle sei stagioni in Nba) è merito soltanto del suo ritrovato coach. Il cugino Drake Diener non ha bisogno di presentazioni. La guardia di Fond du Lac è alla sua decima stagione nel campionato italiano dove ha vestito le canotte di Capo d’Orlando, Siena, Avellino, Teramo, Sassari e Reggio Emilia. Ha vissuto l’ultima esperienza a Capo d’Orlando. L’avvio è stato folgorante, poi ha centellinato la sua qualità mettendola al servizio dei siciliani arrivati nei playoff.

QUINTETTO - In cabina di regia Sacchetti ha deciso di puntare, ben prima del ripescaggio, su Michele Ruzzier. Oro agli Europei del 2012 con la nazionale di Pino Sacripanti, il play arriva dalla stagione in serie A2 con la Fortitudo Bologna dopo l’esordio in A nell’annata precedente trascorsa a Venezia. L’assicurazione nel ruolo è però data dalla guardia-play americana Elijah Johnson, miglior giocatore della seconda lega turca all’Istanbulspor Beylikduzu (22.2 punti, 5.7 rimbalzi e 4.2 assist di media) dopo aver iniziato lo scorso anno al Cibona Zagabria con cui è stato anche avversario di Avellino in Champions League. In rampa di lancio è l’ala piccola americana Kelvin Martin. Dopo la gavetta in Olanda e nella seconda lega tedesca, è arrivato il salto di qualità proprio in Italia ad Agrigento. Il buon campionato di serie A2 lo ha catapultato di nuovo in Germania. Con il Mhp Riesen Ludwigsburg ha raggiunto le semifinali in Bundesliga ed i quarti di finale di Champions League. Altro ritorno in Italia è quello di Landon Milbourne, già visto a Pistoia nel 2014/15. Ala dinamica, dotata di buon tiro dalla lunga distanza, ha vissuto una stagione di ottimo livello in Israele con l’Hapoel Eliat. Le cifre registrate sono state ragguardevoli: 16.0 punti (ottavo marcatore), 4.5 rimbalzi e 1.6 stoppate di media, con il 54.7% da due, il 40.3% da tre e l'86.8% dalla lunetta. Travis Diener a parte, l’americano di maggiore pedigree sarà il ventisettenne Henry Sims. Il centro vanta 135 gare in Nba vissuta a tratti anche da protagonista nelle franchigie in cui ha militato (New Orleans, Cleveland, Philadelphia, Brooklyn Nets) prima dell’ultima stagione trascorsa tra Cina e D-League. E’ un giocatore solido che potrebbe formare una coppia interessante sotto canestro con Milbourne.

PANCHINA - Dalla panchina si alzeranno, oltre ai Diener, anche la guardia Marco Portannese, lo scorso anno a Verona, l’ala grande Giulio Gazzotti, rientrato a Cremona dopo due stagioni a Pesaro, e l’altro lungo, Giampaolo Ricci, arrivato da Tortona. L’aggiunta che guarda al futuro è quella di Kristofers Strautmanis. Ala lettone, classe 2001, andrà a rinforzare i gruppi dell'under 18 Eccellenza, serie D e si aggregherà per gli allenamenti alla prima squadra.

VANOLI CREMONA 2017-18 (in maiuscolo i nuovi acquisti): format 5+5, cinque visti su 6 disponibili per atleti extra UE, 10 su 16 tesseramenti. Quintetto: RUZZIER, E. JOHNSON (USA), MARTIN (USA), MILBOURNE (USA), SIMS (USA). Panchina T. DIENER, D. DIENER (USA), PORTANNESE, GAZZOTTI, RICCI: Coach: SACCHETTI.