International Basketball Migration Report, gli spostamenti degli atleti in giro per il mondo

10.10.2018 15:10 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 311 volte
International Basketball Migration Report, gli spostamenti degli atleti in giro per il mondo

La FIBA ha diffuso un documento prodotto dal CIES - Sports Observatory dal chiaro titolo che ci racconta come si muovono in giro per il mondo i cestisti per svolgere la loro attività professionistica. Sappiamo che i giocatori possono sfruttare il fatto che la pallacanestro sia uno sport globale e che quindi le opportunità di lavoro si possono raccogliere quasi ovunque.

La nota più importante ci dice che, per la prima volta dal 2010-2011, c'è stata una diminuzione del numero di trasferimenti sia tra gli uomini che tra le donne. E che i giocatori coinvolti in un solo trasferimento sono in crescita dal 77,5% al ​​91,6%. Questo significa che esiste un problema economico se le squadre sono più oculate nelle scelte e ci pensano bene prima di cambiare.

Gli Stati Uniti sono ancora il più grande esportatore, insieme alle nazioni dell'Europa orientale e africana. Quelli dell'Europa occidentale e centrale importano ancora talenti stranieri e probabilmente credono che sia la migliore strategia per migliorare i rispettivi campionati nazionali.

Il numero medio di squadre per campionato è aumentato da 14,9 a 15,3, e altrettanto il numero delle partite giocate che è passato da una media di 244 a 258. I campionati nazionali continuano ad aumentare il numero delle gare usando la  giustificazione di questo aumento come tentativo di attirare ulteriori entrate dalle emittenti televisive, ma i giocatori hanno a che fare con l'onere di ridurre il tempo di riposo.

Il numero di stranieri per squadra ha continuato a essere alto, con 7 delle 16 leghe più importanti che hanno più stranieri rispetto ai cittadini nazionali. La Spagna rimane la lega con la più alta percentuale di stranieri e numero più alto di nazionalità rappresentate. La lega brasiliana ancora una volta
ha la quota più bassa di stranieri al 18,6% e con solo 9 nazionalità diverse rappresentate. In generale, il tempo di gioco concesso ai giocatori internazionali rimane alto nei campionati e rafforza l'idea che la prevalenza di giocatori stranieri contribuisca allo sviluppo limitato di protagonisti nazionali.

I contratti migliorati sia nella NBA che nella lega G della NBA hanno significato che meno americani vogliono lasciare entrambi i campionati. Inoltre, atti di protezione dei club (soprattutto europei) hanno significato che il numero di giocatori in cerca di opportunità nella Summer League sia diminuito. Di conseguenza, il numero di trasferimenti dentro e fuori l'NBA e l'NBA G è diminuito.