EA7, il pagellone: Cincia e Kalnietis illuminano, Sanders senza voglia

24.02.2017 13:48 di Alessandro Palermo  articolo letto 2370 volte
EA7, il pagellone: Cincia e Kalnietis illuminano, Sanders senza voglia

L'Olimpia Milano perde contro il Barcellona 83 a 78, dopo essere stata avanti di quindici lunghezze nel secondo quarto. Di seguito le pagelle dei biancorossi, nella sfida persa al Forum contro i catalani:

McLean, voto 4.5
Quasi sempre battuto da Tomic, il croato dimostra che McLean in Europa non può giocare da cinque. Quantomeno non in tutte le partite, ci sono avversari e avversari. In difesa soffre dall'inizio alla fine, con il lungo del Barça bravo a sfruttare il mismatch. In attacco alterna qualche lampo a momenti di black out.

Fontecchio, voto 6
Pronti e via, appena entra in campo - sul finire del primo quarto - mette subito a segno una tripla dall'angolo. Ovazione, Assago lo ama. Gioca un buon primo tempo ma il terzo fallo prima dell'intervallo lo condiziona, poteva stare più attento. Bene per i 3 assist e per la seconda tripla a bersaglio, poi però soffre dietro e nel finale è costretto ad uscire per falli. Strappa comunque meritatamente la sufficienza per impegno ed intensità, +12 di minus.

Hickman, voto 5
Parte bene, sulla scia di Rimini. Ingaggia subito un bel duello con Rice, suo ex compagno di squadra a Tel Aviv. Poi, però, passato l'entusiasmo, cala e Repesa gli preferisce Kalnietis. Esce troppo presto dalla partita, soprattutto mentalmente. 5 punti, 3 assist e -13 di minus, contro i 10 punti, 6 assist e +3 del collega di reparto. Meglio il lituano.

Kalnietis, voto 6.5
E' il protagonista indiscusso del secondo quarto, dove trascina la squadra fino al +15 (45-30 al 17'). Nell'allungo biancorosso, sette punti portano la sua firma: una tripla e due assist di fila per McLean e Abass. Con lui in cabina di regia, l'Olimpia va che è una meraviglia. Perde di lucidità nella ripresa, mezzo punto in meno.

Raduljica, voto 4
Non riesce proprio ad entrare nell'ingranaggio milanese e la stazza, qui, non c'entra nulla. I tifosi si stancano di vederlo in campo, noi di doverlo giudicare. Non sarà ai livelli di Stanko Barac (come prestazioni) ma poco ci manca...

Dragic, voto 5
Gioca soltanto 5' ma entra male. Forse era meglio tenerlo in panchina.

Macvan, voto 6
Dopo "Cincia" (+17), è il giocatore con il minus migliore (+15). Non inzia bene, idem nel finale. In mezzo, però, gioca una buona gara. 10 punti, 4 rimbalzi e 3 falli subiti. Anche lui come i compagni di reparto soffre un po' troppo la fisicità degli avversari, ma la sua performance è comunque dignitosa.

Pascolo, voto 6.5
Entra ed è subito bolgia al Forum. Dalla panchina dà sempre il suo contributo, non sarebbe anche l'ora di farlo giocare di più? Solo 5 punti, tuttavia risulterà essere l'uomo più utile all'Olimpia. Il +18 di minus ci conferma quanto visto senza il foglio delle statistiche. Deve giocare più di 15', fondamentale.

Cinciarini, voto 7
Primo quarto sontuoso, con 4 assist e 4 rimbalzi in 9'. E' su tutti i palloni, non si tira mai indietro. La giocata simbolo della sua serata è quando nel quarto periodo si butta in mezzo al campo per strappare a morsi un pallone vagante, dove devono staccarlo con forza per lasciare la sfera all'arbitro. Chiude con 11 punti, 5 rimbalzi, 5 falli subiti, 4 assist, 1 stoppata e 17 di valutazione. L'adrenalina di Rimini non gli è scesa, che grinta!

Sanders, voto 4
Avulso dal gioco milanese, sembra quasi voglia estraniarsi di proposito. Svogliato ma non è una novità. Quando ha voglia è un giocatore delizioso, quando non ne ha risulta dannoso per la squadra. -1 di valutazione, addirittura -22 di minus.

Abass, voto 7
Una delle note più positive della serata di Assago. 14 punti (6/11 dal campo), 4 rimbalzi e 2 rubate. Statistiche a parte, di lui è piaciuto soprattutto l'approccio. Serata giusta.

Coach Repesa, voto 5
Capiamo che non deve essere facile, ma quando Sanders è in queste condizioni forse è il caso di lasciarlo in panchina subito, anche dopo cinque minuti. Insiste troppo su McLean, perdendo la partita anche per questo. Tomic contro l'ex Alba Berlino fa ciò che vuole.

Pagelle a cura di Alessandro Palermo,
Inviato a Milano