Venezia conduce per quaranta minuti travolgendo Napoli

09.11.2015 16:42 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 231 volte
carangelo
carangelo

L’Umana Reyer, in versione “trazione anteriore” (29 punti complessivi per i due play Carangelo e Dotto) e solida sotto i cristalli, mette in cascina una vittoria preziosissima contro la quotata formazione napoletana grazie ad una gara condotta dal primo all’ultimo secondo che ha confermato il buon momento delle oro granata.

L’avvio delle veneziane è rabbioso con l’immediato canestro di Carangelo dopo la palla a due e l’arresto e tiro di Fontenette che costringono Ricchini ad un prematuro time out. Sin dalle prime battute si intravede quale sarà uno dei leit-motiv dell’incontro con la lotta sotto le plance tra i due biondi centri Ruzickova e Petronyte.
L’inerzia della gara non cambia nella breve sosta in quanto Carangelo va a segno dalla lunga. Ruzickova e ancora la “piccola” battipagliese portano il vantaggio in doppia cifra (12-2 a -6,40). Petronyte e Fassina accorciano ma Fontenette è sul pezzo. Carangelo ancora dai 6,75 per il 17 a 8, mette il coach ospite nelle condizioni di “bruciare” il suo secondo time out. Questa volta la reazione delle partenopee è immediata con Quinn, Bocchetti e ancora Quinn a bersaglio che riportano Napoli ad un solo punto (17-16 a-1,18). Le veneziane non si perdono d’animo e chiudono il quarto in crescendo sul 21 a 16 dopo i canestri di Dotto e Sandri.

La seconda frazione inizia bene per le oro granata con Sandri che “cala” una tripla dopo il tiro libero di Fassina. Anche dalla linea della carità l’Umana sa far male con Dotto e Ruzickova. La play di origine padovana colpisce da lontano ben servita da Sandri che non si lascia intimidire dalla stoppata subita e continua l’azione. Christmas imita la compagna e, nonostante Ceccarelli dalla lunetta limiti i danni, riporta il vantaggio in doppia cifra (31-20). L’Umana mette in campo tutta la grinta di cui è capace difendendo alla morte su ogni pallone.

Il “raccolto” è immediato con Napoli che per 2 volte incorre in infrazione di 24 secondi. Caterina Dotto si erge protagonista con 2 palle recuperate ed altrettanti canestri che aumentano il divario (38-22). Fassina cerca di contenere la furia veneziana ma anche gli ultimi minuti sono di marca Reyer con Carangelo, Bagnara e Christmas a scavare il solco che porta l’Umana a chiudere il secondo periodo sul 48 a 26.
Se Napoli confidava nell’intervallo lungo per stemperare la foga lagunare, l’inizio di Fontenette e Ruzickova fa capire che la concentrazione è rimasta immutata. Il coach napoletano si rifugia nei time out e Petronyte commette un brutto fallo su Christmas che esce dal parquet. Formica “doppia” Napoli (56-28 a-7,35) mentre Dotto continua implacabile nella propria performance. Sul fronte vesuviano solo Petronyte sembra riuscire ad arginare l’onda d’urto veneziana trovando la retina con continuità (59-32 a-5,11). Quando mancano 4 minuti alla sirena parziale, Formica allunga la lista delle infortunate ed esce. Tutta la squadra si esprime al meglio con lunghi momenti di bel gioco che vengono apprezzati dai presenti. La marcia della Reyer continua e Christmas fa vedere numeri di alta classe. Proprio la sua tripla chiude il quarto sul 66 a 38.
Stessa “musica” nell’ultimo periodo con Ruzickova ad aprire le marcature. Ceccarelli fa sperare in una reazione d’orgoglio andando a segno dai 6,75 ma l’Umana questa sera sembra davvero inarrestabile. Andrea Liberalotto getta nella mischia la giovanissima Lorela Cubaj che lo ripaga con 2 canestri di ottima fattura e soprattutto grinta e dedizione in difesa. Qualche fallo inutilmente “pesante” da parte delle partenopee, dovuto presumibilmente al nervosismo per una gara a senso unico, caratterizza le ultime fasi di gioco mentre il tempo scorre inesorabile sino al buzzer conclusivo che vede la Reyer aggiudicarsi l’incontro sul punteggio di 81 a 43.

Umana Reyer Venezia: Carangelo 14, Christmas 14, Pan n.e., Bagnara 6, Sandri 7, Formica 3, Ruzickova 10, Dotto 15, Cubaj 4, Fontenette 8
Saces Mapei Givova Dike Napoli: Minichino, Fassina 5, Pappalardo, Bocchetti 7, Ceccarelli 6, Pastore n.e., Burdick 4, Petronyte 14, Narviciute 2, Quinn 5

Totali di squadra:
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 22/50, tiri da 3 8/22, t.l. 13/15, rimb. dif. 34, rimb. off. 17, p.p. 15, p.r. 26, assist 17
Saces Mapei Givova Dike Napoli: tiri da 2 11/35, tiri da 3 2/15, t.l. 15/23, rimb. dif. 26, rimb. off. 8, p.p. 24, p.r. 17, assist 6