A2 F - Magnolia Campobasso presenta Rachele Porcu

02.07.2018 15:05 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 167 volte
A2 F - Magnolia Campobasso presenta Rachele Porcu

Dall’area colorata al perimetro. Il secondo nuovo innesto per La Molisana Magnolia Campobasso ha il fosforo e l’argento vivo addosso della nuova playmaker della formazione rossoblù: l’ex Orvieto Rachele Porcu, giocatrice in grado di far saltare il banco dei #fioridacciaio sia all’andata in quello che fu l’esordio delle molisane al PalaVazzieri che al ritorno in Umbria. A dare ulteriore manforte alle qualità della regista ventunenne un percorso sia a livello di club (Venezia e Battipaglia in A1, Pordenone ed Orvieto in A2) che in azzurro (una trafila importante fatta di Europei e Mondiali con i gruppi under e la presenza nel 3x3 agli ultimi Giochi del Mediterraneo a Tarragona) di tutto rilievo.
SCUSATE IL RITARDO L’ultimo arrivo in casa campobassana – tra l’altro – era in predicato di far parte del gruppo rossoblù già durante la scorsa estate.
“Poi – spiega Porcu – alcuni problemi di carattere personale mi hanno portato a scegliere Orvieto come destinazione, ma sin da allora ero particolarmente incuriosita e non ho mai dubitato su quelle che potevano essere le importanti caratteristiche del progetto Magnolia”.
‘CARTA CONOSCIUTA’ Lavorando quotidianamente nell’ambiente del PalaVazzieri, la nuova playmaker rossoblù ritroverà Mimmo Sabatelli con cui ha condiviso due esperienze importanti a livello di under 20 sul fronte degli Europei.
“In particolare la prima – ricorda – che ci ha consegnato la medaglia d’argento, una soddisfazione a livello personale e che, per me, è stata un po’ la sintesi di tutto il lavoro e degli allenamenti fatti con la maglia azzurra”.
TARRAGONA MEMORIES Una sorta di seconda pelle per Rachele Porcu, come testimoniato anche dalla recente esperienza dei Giochi del Mediterraneo a Tarragona in Spagna nella nuova dimensione in ascesa del basket tre contro tre. In terra catalana, per la regista e per le sue compagne d’avventura, il percorso si è interrotto ben presto, già nella fase a gironi, complice il ko all’esordio con la Francia.
“Una gara – discetta Porcu – che ha pesato a livello psicologico sulla successiva sfida con la Turchia che avremmo potuto vincere, com’è poi avvenuto con la Serbia. Per noi, però, era la prima esperienza effettiva di tre contro tre, disciplina intensa, particolare, che non ti dà il tempo di elaborare le situazioni perché si gioca quasi senza soluzione di continuità. Di fatto, però, si è trattato di un inizio e speriamo di poter migliorare su questa strada”.
CECCHINO DALL’ARCOLe immagini televisive dell’appuntamento iberico hanno restituito l’identikit di una giocatrice con un tiro dall’arco devastante.
“Speriamo – si schermisce – di poterlo confermare. Senz’altro, per caratteristiche fisiche più che cercare la penetrazione preferisco provare la soluzione dalla distanza e, in un contesto come quello di Tarragona con tanti organici fisicamente preponderanti, ho cercato di mettere in evidenza una mia peculiarità”.
ORDINE E LETTURE Di fatto, però, a livello complessivo Porcu ama parlare di se stessa come di una regista poliedrica.
“Adatto il mio gioco – argomenta – al tipo di squadra che ho intorno e, per quello che è il roster che sta formando la società, ossia un organico completo in tutti gli spot, il mio compito peculiare sarà quello di playmaker e non di guardia. Dovrò essere brava a far rendere al meglio le mie compagne mettendole in ritmo ognuna nel momento più opportuno. A Campobasso ritroverò Giulia Ciavarella che conosco da anni e con cui ho condiviso il percorso nelle nazionali giovanili, qualcosa come otto anni insieme. Lei è una giocatrice in grado di creare break importanti, soprattutto se riesce ad entrare in striscia. Ovviamente, poi, se c’è da prendersi il tiro, non mi tiro indietro a livello di responsabilità perché ho anche quella soluzione, ma la priorità resta quella di far rendere al meglio le mie compagne”.
‘CIAVA’ SUPPORTER La vicinanza di Ciavarella, tra l’altro, rappresenta un particolare curioso della nuova trattativa che ha posto le basi per l’accordo. “Ero in raduno con la Nazionale 3x3 assieme a lei a Roma mentre mi sentivo a telefono con Mimmo Sabatelli. Avevo già le idee molto chiare sul fatto di voler venire a Campobasso, società importante con un pubblico caloroso ed un progetto ben definito. Lei
Vin
comunque, quasi a volermi dare un’ulteriore spinta, ha sempre avuto toni entusiastici, non facendo altro
che confermare quelle che erano le mie sensazioni dall’esterno”.
L’IMPATTO COL PALAVAZZIERI Impressioni rese più evidenti dal confronto che l’ha vista di scena
in Molise lo scorso 30 settembre con Orvieto.
“Non avevo mai visto un impianto così pieno e per certi versi sentivo anche timore – riconosce ex post –
ma devo dire che la cornice di tifo è stata stupenda, anzi superlativa. Un pubblico caloroso e corretto che
ha aiutato le proprie beniamine sino all’ultimo, senza trascendere nei confronti delle avversarie. Per certi
versi, quelle scene hanno dato una spinta anche a noi che eravamo avversarie”.
CONCRETEZZA AL POTERE E così le ‘prime carezze’ per la nuova piazza sono all’insegna di una
caratteristica ben precisa: la concretezza. “Non mi va di promettere risultati o obiettivi – aggiunge – ma
una cosa è certa. E cioè che non uscirò mai dal parquet senza aver dato tutta me stessa. Ai nostri supporter
dico di continuare a seguirci e di essere molto più numerosi, perché questa squadra scenderà in campo
con una stagione già d’esperienza sulle spalle, e non è cosa da poco, e farà di tutto per regalare tante
soddisfazioni”.
VACANZE… ATTIVE Termine, però, non approfondito in ossequio al ‘principio di scaramanzia’, mai
troppo marginale.
Di fatto, però, per arrivare nel migliore ad essere una magnolia, Rachele Porcu ha anche deciso di ridurre
al minimo il periodo di relax lontano dal parquet.
“Complici i raduni con la Nazionale del tre contro tre, da quando è finito il campionato non mi sono mai
fermata. Ora mi prenderò una sola settimana per staccare un po’ e ricaricare le batterie, ma poi riprenderò
a lavorare con tanta determinazione per arrivare nelle migliori condizioni possibili all’inizio della
preparazione”.