A2 F - La corsa della Carispezia si ferma a Campobasso

03.11.2018 21:15 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
A2 F - La corsa della Carispezia si ferma a Campobasso

La striscia positiva della Crédit Agricole Carispezia si ferma a Campobasso: La Molisana si aggiudica il match per 67-52, mantenendo a punteggio basso il terzo attacco del campionato. In partita per tre quarti ma mai avanti, rientrate sul -1 dal -10 nel terzo quarto, le spezzine hanno sempre dovuto sudare più del dovuto per trovare punti facili e non. Sarni e Templari le migliori realizzatrici per le bianconere rispettivamente con 15 e 14 punti, con il pivot della Cestistica in doppia-doppia condita da 10 rimbalzi. A fare la differenza è stata la difesa intensa di Campobasso, che ha costretto le bianconere a percentuali (molto) insolite dal campo: 13/38 da 2 punti (34%) e 4/25 da 3 (16%).

L’inizio della Carispezia è da incubo, un 6-0 per La Molisana che mette da subito grande intensità sul parquet, e ciò coglie probabilmente di sorpresa la squadra bianconera. Una tripla di Sarni chiude il parziale, ma Campobasso continua ad aggredire le spezzine con una pressione a tutto campo già dal principio. Bove porta a quota 8 la propria squadra, ma due canestri di Templari e Cadoni portano le liguri sul -1. Le basse percentuali da tre punti condannano le spezzine, come i due falli commessi precocemente da Silvia Sarni, purtroppo subito messa a riposo da coach Corsolini. Campobasso vola sul +8 con due liberi di Marangoni (17-9) e allunga ulteriormente a fine periodo con due punti di Bove (21-12).

La seconda frazione comincia con un 9-2 per la CA Carispezia, che si porta sul -2 (23-21) grazie ai canestri di Templari e Sarni. Da qui in poi il punteggio procede ad elastico, con Campobasso che prova sempre ad allungare e Spezia che reagisce e rimane attaccata alle molisane. Tanti però sono gli errori al tiro da parte di entrambe le squadre: ad emergere, soprattutto, è il 2/13 delle bianconere da oltre l’arco. Marangoni diventa un rebus per la difesa spezzina, segna solo lei nel secondo quarto per Campobasso, e alla sirena dell’intervallo lungo La Molisana è avanti 29-23.
 

Ad inizio terzo periodo La Molisana guadagna la doppia cifra di vantaggio coi punti di Ciavarella e Zelnyte (33-23). Qui però arriva una prova di orgoglio per le ragazze di coach Corsolini, che inanellano un parziale di 9-0 coi canestri del trio Cadoni-Sarni-Packovski (unico canestro dal campo per la giocatrice croata) e tornano prepotentemente a contatto con Campobasso (33-32). Due triple di Ciavarella, però, tagliano le gambe alle spezzine, così che alla pausa le locali sono avanti di 8 lunghezze (39-32).

Nell’ultimo quarto la difesa delle molisane non perde di mordente. Questo permette loro limitare notevolmente l’attacco spezzino, che non riesce a trovare tiri comodi. Emilia Bove (doppia-doppia da 15 punti e 11 rimbalzi) regala il +12 alle giocatrici oggi in maglia grigia, Templari e Sarni – le ultime a mollare – accorciano sul -7 (46-39), ma da qui in poi le bianconere non riescono ad avvicinarsi ulteriormente. Ciavarella ed ancora Bove sigillano il match a favore delle locali, col punteggio finale di 67-52.

LA MOLISANA CAMPOBASSO 67-52 CA CARISPEZIA LA SPEZIA (21-12, 29-23, 39-32)

CAMPOBASSO: Marangoni 16, Porcu 9, Sammartino, Ciavarella 23, Di Gregorio, Landolfi ne, Zelnyte 2, Bove 15, Mandolesi ne, Reani 2, Smorto. ALL: Sabatelli.

LA SPEZIA: Packovski 9, Corradino, Templari 14, Tosi 4, Linguaglossa 5, Cadoni 4, Mori ne, Sarni 15, Olajide 1, Gioan ne. ALL: Corsolini.