A2 F - Finisce contro Vicenza in gara 2 la stagione dell'Alpo Basket

28.04.2017 00:08 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 125 volte
A2 F - Finisce contro Vicenza in gara 2 la stagione dell'Alpo Basket

Game over: si chiude la stagione 2016/17 dell’Ecodent Point Alpo che esce sconfitta in gara-2 dei quarti di finale playoff con la Vecofin Vicenza (47-58). Le biancorosse si qualificano meritatamente per la semifinale ma, a differenza di gara-1, devono sudare le proverbiali 7 camicie per avere la meglio su un combattivo Alpo Basket. 
La partita di stasera è stata un po’ lo specchio della stagione biancoblù: ogni qualvolta c’è stata la possibilità di fare un salto di qualità, le veronesi se la sono lasciata sfuggire. Poi, è chiaro, che se tiri con il 6% da tre punti o se perdi il confronto al rimbalzo 36-51 è molto difficile portare a casa le partite. Una parola su Maki Dznic è giusto spenderla: per lei “solita” doppia doppia con 26 punti e 10 rimbalzi e 31 di valutazione su 48 di squadra (!).
Il primo quarto è equilibrato, nonostante l’Ecodent Point conceda molti secondi tiri a Vicenza: da dire che Jakovina e Pieropan la mettono sempre e le padrone di casa sono brave a rimanere a contatto (9-9). Corno piazza la sua squadra a zona ma Dznic è in serata e sigla il cesto del 14-14, prima del canestro di Pegoraro che chiude la prima frazione (14-16). Il secondo periodo è un botta e risposta Dznic-Jakovina, ma sul 18-20 arriva il break ospite di 0-11 (18-31) interrotto dalla tripla di Granzotto (21-31). L’Alpo mette a segno soltanto 8 punti in questa frazione e all’intervallo lungo la Velcofin ci arriva in doppia cifra di vantaggio (22-33)
Nel terzo quarto Vicenza sembra controllare il match ma la squadra di Nicola Soave non ci sta e si porta sul 35-41 con la solita Dznic. Corno chiama time out, per diversi minuti non segna più nessuno ed è qui che l’Ecodent Point manca la grande occasione di riaprire il match. La frazione conclusiva inizia sul 37-43 ospite, Madonna segna 5 punti filati e Nicolosi “ripristina” le distanze (39.50). L’Alpo non la mette mai, ma proprio mai da tre (0/9 in questo quarto) e il derby scivola via verso il finale già scritto. Alla sirena tanti applausi del numeroso pubblico biancoblù e qualche lacrima che scende sul viso delle ragazze veronesi che, come detto, chiudono qui questa altalenante stagione.