A2 F - Finale Playoff: Vicenza splendida e commovente. Bologna ko, si va a Gara 3

25.05.2017 11:17 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 179 volte
Fonte: Ufficio Stampa As Vicenza
A2 F - Finale Playoff: Vicenza splendida e commovente. Bologna ko, si va a Gara 3

Vuole la rivincita, vuole la vittoria, vuole la bella (ed essere piu’ bella di gara1) “la Vicenza che sogna” un posto in paradiso. Bologna fa paura perche’ o la si batte stasera, o non potrai metterle pressione e riaprire la serie sabato prossimo al PalaCarisbo. Non potrai regalare nemmeno un compleannocome si deve al vecchio leone, patron Concato seduto come sempre al suo posto. Il Palagoldoni e’ carico di biancorosso e  la curva di ragazzi rubati dal Menti che si fanno sentire.

1° periodo (18-10) – Tripla di Madonna al primo shoot frontale, risponde D’Alie ma sul ferro. Bene Bologna in avvio che crea superiorita’ per Tava sotto canestro, fallo e libero a segno. Mini e’ un peperino e sguscia rapida imitata da Pegoraro, dopo 3’ e’ ancora parita’, 5-5. Poco dopo break Vicenza che potrebbe allungare ma Ferri sbaglia e D’alie rimedia. Al timeout e’ 12-7 Vicenza che riprende a difendere forte con Jakovina per Pieropan, mandando fuori giri Bologna per tre volte consecutive oltre i 24.
Si fa spavalda una Jakovina molto ispirata stasera e Ferri in rotazione manda Vicenza in fuga (16-9 ) a 1’ dal termine del primo quarto dove Madonna rientra sui legni e combina con un assist al bacio per altri due punti di Ferri dai liberi. Bologna molto imprecisa e meno autorevole della gara di andata riesce solo a limitare i danni sul 18-10
2° periodo (30-20) – Chiede la reazione coach Roveri, lascia in quintetto Tassinari e aggiunge Meroni per dare fisicita’ Il blitz rossoblu non riesce e dopo un minuto e’ gia’ timeout. Dentro anche Nannucci e Mini ma le ragazze bolognesi non si trovano piu’ mentre le biancorosse scappano con una roccioso terzo tempo di Jakovina che danza sul ferro e infila il +11. Svuotata  e poco convinta laMatteiplast colleziona airball mentre Vicenza sciupa un 2vs1 con Ferri che poco dopo si fa perdonare con un canestro in allontanamento e poi irretisce Cadoni sotto le plance (sfondamento).  Bologna raddoppia gli sforzi e accelera ma gli inserimenti individuali non ripagano. Corno chiama timeout infuriato per le chance lasciate alle rivali  in coast to coast frequenti.
Ma con la tripla di Pieropan dall’angolo Vicenza corre via e il Palagoldoni e’ on fire 28-16, poi arrotondato al pur sempre rassicurante 30-20.
3° periodo (38-27) – Dopo una tripla di Madonna e un rimbalzone di Nicolodi, la palla comincia a scottare. Non fa meglio Bologna con doppio errore dall’arco di Tava, complicato dalla tenace difesa berica che costringe ancora a soluzioni forzate sulla sirena. Ma le emiliane non mollano, carica di falli Vicenza e guadagna punti preziosi in lunetta. La supremazia biancorossa pero’ continua 37-25 al massimo sforzo tenta la tripla definitiva con Stoppa, salita per dar fiato a Jakovina, non concede il possesso e organizza una difesa asfissiante. Madonna e’ come una calamita su Mini gia’ in doppia cifra (12 punti), la squadra chiude forte e riparte, gioca da dio eppure pecca sulla facile tabella. Si va al riposo in vantaggio si, il punteggio ‘braccino’ (8-7 totale) ma un tesoretto di +11 da amministrare
4° periodo (51-39) – Corno riparte da Ferri sotto le plance mentre Nicolodi recupera un po’. Momento delicato, cresce la paura di vincere e le  vicentine sembrano stanche, Bologna si porta anche a -7 con Franceschelli ( 40-33 a 6’18”). Corno richiama timeout e risparmia Nicolodi per il rush finale, c’e’ Jakovina.
Il Palagoldoni e’ una bolgia infernale, tifosi storici pescati in piedi e 400 cuori che aspettano con ansia. Retina in fiamme di Jakovina 44-33 a 4’50” da giocare. E’ grande sforzo Bologna, ma e’ super difesa Vicenza. Jakovina marca ancora in lunetta e  si aggiudica la palma di Mvp della serata con 13 punti, 8 rimbalzi e 2 assist. Il resto lo fanno Pieropan (grinta da vendere)  e Tayara ( lavoro sporco), non mollano un centimetro. Roveri gioca il tutto per tutto con Cadoni ( 4 falli in fedina) che trova subito 4 punti di fila. La partita la chiude Pegoraro, tripla a 1’ dal termine che guadagna con interessi il diritto e l’orgoglio per Vicenza di giocarsi gara 3.

VELCOFIN VICENZA – MATTEIPLAST BOLOGNA 51-39

VELCOFIN: Pegoraro 5 (1/5 da due, 1/3 da tre), Madonna 10 (2/4, 2/6), Caldaro ne, Diodati ne, Nicolodi 5 (1/5), Stoppa (0/3), Ferri 11 (3/7), Zanetti ne, Cappozzo, Pieropan 5 (1/1, 1/5), Jakovina 15 (6/10, 0/2). All. Corno

MATTEIPLAST: Franceschelli 5 (1/7, 0/3), D’alie 4 (2/6, 0/2), Tava 5 (2/5, 0/3), Mini 12 (5/7, 0/4), Meroni 2 (1/4), Cordisco, Tassinari 1 (0/5, 0/3), Dall’Aglio, Storer, Cadoni 10 (5/6),  Poletti ne, Nannucci. All. Roveri

ARBITRI: S. Belprato e F. Borrelli di Cercola