A2 F - Derby sardo tra Virtus Surgical Cagliari e Mercede Alghero

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 90 volte
A2 F - Derby sardo tra Virtus Surgical Cagliari e Mercede Alghero

E’ l’occasione giusta per poter guadagnare altri due punti in classifica. Tempo di derby nel girone sud della serie A2 femminile tra la Virtus Surgical Cagliari e la Mercede Alghero. Ultima contro la penultima in una sfida che potrebbe regalare una nuova vittoria alle ragazze allenate da Iris Ferazzoli, assieme alle catalane,  in piena lotta per la salvezza. Una gruppo che ha dimostrato nelle ultime settimane di saper lottare ed essere in grado di riuscire a conquistare il successo. Lo si è visto anche sabato nella sfortunata sfida persa in casa del San Raffaele Roma. Romane in difficoltà per gran parte del match ma in grado di risalire la china solo nelle battute finali, quanto, Raiola e compagne hanno pagato con la stanchezza la grande mole di lavoro svolta nel contenere e far spaventare le avversarie. Domani, alle 19, in via Pessagno, arriva la Mercede Alghero squadra giovane che, in qualche modo somiglia alla Virtus. Gruppo capace di lottare e mettere in difficoltà qualsiasi avversario, sfruttando al meglio le caratteristiche offensive di tutte le giocatrici di un gruppo che, finora ha tirato meglio della Virtus, realizzando 1417 punti contro i 1334 delle cagliaritane. La squadra di Iris Ferazzoli però può vantare una migliore difesa, tanto che, finora è riuscita a subire 1803 punti contro i 1861 delle ragazze allenate dal duo Cau-Monticelli.  Tra le singole, capitan Marta Vargiu e compagne dovranno fare molta attenzione all’ala Arianna Beretta, ottima realizzatrice (311 punti segnati) e efficace anche in difesa.  Occhio di riguardo per la bulgara Veronica Dzhiklova, guardia con 281 punti fatti. Pericoli potranno arrivare anche sa Sara Azzellini (236) e Diarra Sow (196). Sotto le plance ci sarà da lottare per strappare i palloni a Alexandra Petrova.

Il derby inizierà alle 19 e sarà diretto dai signori Gianluca Cassiano di Roma e  Andrea Bernassola di Palestrina.