A1 F - Umana Reyer Venezia passa a Broni

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 141 volte
Fonte: Ufficio Stampa Reyer Venezia
A1 F - Umana Reyer Venezia passa a Broni

L’Umana Reyer rientra da Broni con il referto “rosa” al termine di una gara affrontata con l’autorevolezza invocata da coach Liberalotto.
Inizia bene la fomazione di casa con Ravelli che colpisce dalla lunga distanza. Qualche palla persa dalle lagunari e tabellone che rimane a lungo bloccato. A Wojta risponde De Pretto ma Premasunac con due canestri consecutivi fa volare le pavesi sul 9 a 2. Ruzickova riduce il divario e Carangelo con 2/2 ai liberi riavvicina le lagunari (9-5 a -5,21). De Pretto, da buona ex, appone la propria firma sul -1. Broni va in bonus e Bestagno dalla “linea della carità” porta per la prima volta in vantaggio le compagne. Moroni rimedia subito da oltre l’arco ma Ruzickova è in partita ed è nuova parità. Williams stabilisce un mini-break con un’azione da tre punti (12-15 a -2,39). Girandola di cambi su entrambi i fronti con Walker che fa il suo ingresso sul parquet nonostante una condizione fisica tuttaltro che ottimale. E’ proprio lei a stracciare la retina bronese dai 6,75 replicando al canestro di Gatti e chiudendo la prima frazione sul 14 a 18.
Il secondo periodo si apre con una mischia rugbistica nel pitturato veneziano che scatena le proteste del pubblico. Walker è implacabile da oltre l’arco anche se Elena Castello, senza alcun timore reverenziale, ricambia immediatamente la “cortesia”. Bestagno dalla lunetta per il +6 cui segue l’incursione in area di Dotto che utilizza al meglio un corridoio nella difesa avversaria (17-25 a-6,56).
Kacerik sfrutta il miss match su Bonasia e da centro area sigla il vantaggio in doppia cifra. Wojta, sino a quel momento leggermente in ombra, riduce il gap. Attacchi alquanto “asfittici” per entrambe le formazioni anche se l’Umana può affidarsi ad individualità di primo piano, nella fattispecie Maya Ruzickova (per lei a fine partita 13 punti, 11 rimbalzi e 4 assist), che con un’azione da tre punti imprime una brusca accelerata al punteggio (22-30 a -2,00).
Williams è difficilmente arrestabile quando decide di giocare 1 vs 1 ed il suo primo passo irretisce la sua marcatrice diretta portando le squadre negli spogliatoi sul 22 a 32.
Kacerik riapre i giochi dopo l’intervallo lungo seguita da Dotto che si incunea di potenza nella difesa delle padrone di casa dilatando ulteriormente il divario. Ruzickova regala un assist d’oro a Micovic che non fallisce. Gatti, d’esperienza, ridà morale alle compagne ma l’inerzia non sfugge dalle mani orogranata che con Dotto si portano sul +19. Castello si mette ancora in luce e allora è Bestagno, lasciata colpevolmente libera, a punire con una tripla (28-46 a -4,58).
Coach Sacchi si sbraccia dalla panchina chiedendo alle sue ragazze di aumentare l’intensità. Arrivano così i primi due punti di Van Grinsven e un canestro di Wojta che consentono alla Pallacanestro Broni di riportarsi sul 32 a 46.
Williams raffredda l’entusiasmo delle biancoverdi prima con una “bomba” e subito dopo con due ulteriori punti che chiudono il periodo sul 32 a 51.
Nina Premasunac aumenta il proprio bottino personale anche se sul fronte lagunare c’è sempre Ruzickova a vanificare i tentativi di rimonta avversaria (34-53 a-8,00). Ancora Premasunac a tener alta la bandiera delle pavesi mentre il cronometro scorre inesorabile e si avvicina il buzzer conclusivo. Wojta dalla punta dell’arco infiamma le tribune gremite e la febbre sugli spalti sale ulteriormente dopo la tripla di Enrica Pavia. Ruzickova, sempre lei, riallontana le lombarde che, con un ultimo sussulto di Wojta e Premasunac, tentano per l’ultima volta un riaggancio oramai impossibile siglando il -12.
Nonostante l’orgoglio di Broni, l’esito dell’incontro non è più in discussione e l’Umana può così pensare al ritorno di Eurocup che, nonostante il buon margine acquisito in terra d’oltralpe, si preannuncia ad alto coefficente di difficoltà.
(s.v.)

PALLACANESTRO FEMMINILE BRONI – UMANA REYER VENEZIA 52 – 64

(Parziali: 14-18; 22-32; 32-51)

Pallacanestro Broni 93: Moroni 5, Pavia 3, Bonasia 4, Wojta 13, Ravelli 4, Castello 5, Premasunac 10, Gatti 6, Van Grinsven 2, Fusari n.e.
Umana Reyer Venezia: Micovic 2, Bestagno 12, Carangelo 4, Kacerik 4, Williams 12, De Pretto 4, Sandri, Ruzickova 13, Dotto 7, Madera n.e., Walker 6

Totali di squadra:
Pallacanestro Femminile Broni: tiri da 2 15/48, tiri da 3 5/15, t.l. 7/11, rimb. dif. 22, rimb. off. 11, p.p. 20, p.r. 12, assist 12
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 19/41, tiri da 3 4/14, t.l. 14/15, rimb. dif. 29, rimb. off. 9, p.p. 21, p.r. 11, assist 13