A1 F - Reyer Venezia supera le universitarie del Stanford nel "Città di Schio"

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 125 volte
Fonte: Ufficio Stampa Reyer Venezia
Carangelo (14 punti)
Carangelo (14 punti)

Dopo il primo scrimmage sostenuto dalle orogranata in Slovenia, l’Umana Reyer affronta sul parquet scledense le ragazze della Stanford University nella prima giornata del Quadrangolare Città di Schio. I muscoli intrisi di acido lattico a causa dell’intensa preparazione atletica sostenuta in queste prime settimane di lavoro, non impediscono alle lagunari di fornire buone indicazioni a coach Liberalotto che, peraltro, nell’occasione, non può contare sull’apporto di Kacerik infortunata e ovviamente di Riquna Williams, ancora impegnata nella WNBA. L’inizio è di marca USA con le lunghe in maglia rossa che fanno valere la loro prestanza fisica portandosi sul punteggio di 4 a 8 a metà della prima frazione. Il time out richiesto da Liberalotto sortisce gli effetti sperati e l’Umana si riporta ad una lunghezza (9-10 a -4,00). Stanford riallunga grazie ad una conclusione da oltre l’arco e ad alcune incursioni nel pitturato chiudendo il primo quarto sul 13 a 19. L’avvio bruciante delle veneziane ad inizio della seconda frazione le riporta immediatamente ad una sola lunghezza e subito dopo al primo vantaggio (23-21 a -8,33). La gara continua all’insegna dell’equilibrio mentre Walker commette il suo terzo fallo personale. L’Umana prende un piccolo break a proprio favore ma Stanford concretizza in tempi brevi la propria rimonta rimettendo la testa avanti (28-30 a -3,11). Carrington dalla lunga firma il 34 a 37 che porta le formazioni negli spogliatoi. Il vantaggio delle statunitensi rimane immutato per buona parte del terzo periodo (44-47 a-5,30) e le lagunari faticano a mutare l’inerzia della partita che rimane nelle mani delle avversarie. Ruzickova mette a segno il suo ottavo punto facendo sentire il fiato sul collo alle avversarie (49-50 a-2.12). L’ultimo giro di lancette del terzo quarto è favorevole alle veneziane che terminano il parziale sul 55 a 54. La fatica sembra offuscare le idee di entrambe le formazioni ed il punteggio conosce lunghe pause. La Reyer riesce comunque a portarsi su un “confortante” +7 (63-56 a-6,03). Il momento è favorevole all’Umana che trova il vantaggio in doppia cifra grazie alla tripla messa a segno da Bestagno. La “tenuta” fisica delle orogranata consente loro di accelerare ulteriormente contenendo poi gli ultimi tentativi di rimonta delle universitarie e di aggiudicarsi il match. (s.v.)

Umana Reyer - Stamford University 77-62 (Parziali: 13-19, 34-37, 55-54)

Umana Reyer: Micovic 7, Bestagno 14, Carangelo 14, Kacerik n.e., De Pretto 9, Sandri 3, Ruzickova 12, Dotto 9, Madera 3, Togliani, Zecchin n.e., Smorto, Walker 6

Stanford University: Coffee 7, Wilson, Fingall 2, Johnson 4, Jerome 6, Smith 10, Mc Phee 1, Sniezek, Brewer 2, Dodson 2, Moschkau, Carrington 13, Romano 5, Williams 10