A1 F - Empoli, coach Cioni: "Soddisfatto della prova delle ragazze"

10.10.2018 18:18 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 71 volte
A1 F - Empoli, coach Cioni: "Soddisfatto della prova delle ragazze"

Come si suol dire il diavolo non è poi così brutto come lo si dipinge. La Scotti ha finalmente assaggiato la tanto temuta massima categoria nell'opening day di Torino e, seppur sia arrivata la sconfitta contro Lucca, la squadra di coach Cioni ha retto bene il confronto. Anche se le biancorosse hanno rincorso sempre le rivali, la gara è stata equilibrata e questo, per la neopromossa, è senza dubbio una buona base di partenza da cui iniziare la strada. "L'impatto fisico si è sentito - ammette coach Alessio Cioni - sapevamo che questo aspetto avrebbe avuto un peso e così è stato. Abbiamo faticato e, di conseguenza, abbiamo perso un po' di lucidità in determinati momenti, ma sono tutte cose normali che sapevamo. Se guardiamo i 19 rimbalzi offensivi di Lucca troviamo un riscontro a quanto detto finora". Un po' di emozione c'è stata? "Credo che qualcuna l'abbia accusata, anche questo è normale ma, dopo aver fatto questa lunga premessa, devo dire che sono comunque contento. Abbiamo giocato la nostra pallacanestro contro una squadra quotata come Lucca, siamo rimasti in partita fino agli ultimi 2 minuti, le ragazze hanno fatto quello che avevamo preparato ed è per questo che non ho niente da recriminare. Si riparte da qui ed ora l'obiettivo è quello di ambientarsi e smettere di pagare prima possibile lo scotto dell'impatto con la nuova realtà. Non posso sapere quanto servirà, ma lavoriamo perchè questo periodo sia il più breve possibile e quanto visto a Torino mi da fiducia". Anche se domenica al Pala Sammontana arriva una delle 'big'. "Napoli è una candidata allo scudetto, ha giocatrici americane da Wnba ed italiane importanti. Non è contro queste squadre che dovremo cercare la salvezza, ma siamo in casa nostra, ci presentiamo per la prima volta al pubblico di casa e ci teniamo non solo a far bene ma anche a lottare fino in fondo. Per batterci dovranno faticare".