A1 F - Buon test a Catania tra Ragusa e Palermo

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 113 volte
Fonte: Ufficio Stampa AndrosBasket Palermo
A1 F - Buon test a Catania tra Ragusa e Palermo

Torna con buone sensazioni dal PalaCus di Catania l’AndrosBasket, dopo il primo test precampionato contro la forte formazione di Serie A della Passalacqua Ragusa. Un’amichevole che ha visto sfidarsi le uniche due formazioni femminili siciliane partecipanti a campionati nazionali, per ora accumunate da un grande cartello “work in progress”, essendo ai primi giorni di preparazione. Ragusa si presenta al match senza Gorini (comunque vicina alle compagne al PalaCus), Ndour (arriverà la prossima settimana) e Hamby (in WNBA); AndrosBasket è al completo ma, oltre ad aver accolto Prėskienytė da poco più di 24 ore e aver recuperato Carrara e la capitana Verona in extremis, ha alle spalle ancora poco chilometraggio e lavoro tuttocampo, con un gruppo completamente rinnovato.

Il primo canestro della stagione porta la firma di Prėskienytė con un jumper dalla linea di fondo su eccellente assist di Ferretti. Ragusa martella dentro l’area e costruisce subito un vantaggio importante con le iniziative di Formica (10-2). AndrosBasket fatica all’inizio contro l’impatto fisico di una formazione di serie superiore e lucra qualche punto dalla lunetta, ma dall’altro lato subisce una brillante Kuster e l’ottimo impatto della giovanissima Stroscio dalla panchina per l’8-24.

Punteggio riazzerato come da accordo tra gli staff, musica diversa nel secondo parziale: Miccio e Carrara, una piovra dalle parti del canestro (doppia doppia da 12 punti e 12 rimbalzi), firmano un 7-0. Il rientro di Kuster dopo un mini-riposo dà fiato a Ragusa, risponde ancora Miccio da tre nel miglior momento della sua partita. AndrosBasket gioca discretamente e la mette da fuori (a segno anche Russo e la diligentissima Riccobono) e rischia pure di vincere il quarto: cinque punti di fila di Kuster però impattano sul 18 pari.

Dopo il riposo, attacchi congestionati con “retroguardie” protagoniste, le palermitane tengono a rimbalzo e compensano una comprensibile congestione offensiva difendendo di squadra e lasciando pochi spazi. Valerio sblocca Ragusa, ma è sfortunata quando riporta un piccolo infortunio alla caviglia: i problemi fisici delle atlete, ancora non al top, frenano un po’ i coach. Recupido non rischia e dosa col bilancino i minuti di Kuster, Giordano tira fuori dal match Ferretti che dopo una botta al ginocchio si accomoda in panchina in via del tutto precauzionale.

Nell’ultimo parziale torna a farsi vedere Formica, che con Stroscio e Consolini è molto attiva nella metà campo offensiva, dall’altra parte Carrara non demorde e si fa notare per aggressività Russo, che attacca il ferro con costanza e voglia di fare. Gli ultimi due punti li firma Ragusa con Consolini, dalla lunetta per il 9-13 dell’ultima frazione, poi sorrisi e saluti tra le due squadre: Ragusa si prepara a una stagione da protagonista, in Eurocup e Serie A; AndrosBasket continua a lavorare su una squadra che comunque dà segnali confortanti. La Sicilia del basket c’è.

AndrosBasket Palermo-Passalacqua Ragusa (8-24, 18-18, 7-11, 9-13)

AndrosBasket Palermo – Russo 9, Ferretti, Miccio 13, Carrara 12, Prėskienytė 2; Verona, Casiglia 2, Riccobono 4, Ferrara, Cerasola. All. Giordano.

Passalacqua Ragusa – Soli, Consolini 8, Kuster 17, Miccoli 7, Formica 16; Stroscio 10, Bongiorno 2, Rimi, Valerio 3, Spreafico 3, Abela ne. All. Recupido, Vice: Gebbia, Ferrara.