A1 - A2 F - Così cambia il prossimo campionato

In campionato solo le prime sei direttamente agli spareggi, dal 2019 si passa a 14 squadre. Novità anche in A2
12.06.2018 19:14 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 594 volte
A1 - A2 F - Così cambia il prossimo campionato

Le prime sei direttamente ai play off, dalla settima alla decima agli spareggi per gli altri due posti, coppa Italia con le prime otto al termine del girone di andata: sono le principali novità del prossimo campionato di serie A1 femminile, di cui si è parlato nella riunione di Lega tenutasi a Bologna. Novità anche in serie A2.
Saranno dunque 12 le formazioni ai nastri di partenza del massimo torneo: Schio (campione d’Italia), Ragusa (finalista scudetto), Venezia, Napoli, Lucca, San Martino, Torino, Broni, Battipaglia, Vigarano (vincitrice dello spareggio salvezza), Geas Sesto San Giovanni e Empoli (neopromosse dalla serie A2). La formula è la stessa di due stagioni fa: girone all’italiana con partite di andata e ritorno (22 partite); le prime sei classificate direttamente ai quarti di finale play off; mentre dalla settima alla decima si contendono le altre due piazze, con i seguenti abbinamenti e partite secche in casa della meglio classificata: settima contro decima, ottava contro nona. Mentre undicesima e dodicesima disputeranno il play out: vincente salva, perdente allo spareggio come quest’anno. Quindi nessuna retrocessione diretta. 

I quarti dei play off saranno sicuramente al meglio delle tre partite, semifinali e finali al meglio delle cinque. Se però Schio dovesse raggiungere le final four di Eurolega, allora anche le semifinali sarebbero al meglio delle tre. Il campionato inizia il 6 e 7 ottobre, con l’opening day di Torino, e finisce il 17 marzo 2019. 

La coppa Italia si disputerà nel fine settimana successivo alla fine del campionato. Sarà in sede unica, ancora da decidere, per serie A1 e serie A2, con la formula del final eight. Per la serie A1 entrano le prime otto al termine del girone di andata, per la serie A2 le prime quattro del girone Nord e le prime quattro del girone Sud, sempre dopo andata. La A1 giocherà il giovedì i quarti, venerdì i quarti di A2, sabato le semifinali e domenica le finali per l’assegnazione del trofeo. La location è ancora in divenire. In serie A2 le squadre iscritte dovrebbero essere 32 (le 26 già in A2 e le sei neopromosse dalla B): Castelnuovo Scrivia, Costa Masnaga, Alpo Villafranca, Crema, Marghera, Vicenza, Sanga Milano, Udine, Albino, Bc Bolzano, Cus Cagliari, Fanola San Martino, Carugate, Selargius, Palermo, Progresso Bologna, San Giovanni Valdarno, Civitanova Marche, Spezia, Faenza, Campobasso, Orvieto, Savona, Umbertide, San Raffaele Roma, Forlì, Varese, Sisters Bolzano, Ponzano Veneto, Moncalieri, Elite Roma e Nico basket, formazione di Massa e Cozzile (Pistoia). Se saranno tutte e 32, ci saranno due gironi da 16 squadre. Le prime otto classificate disputeranno i play off interni al proprio girone: quarti, semifinali e finale si giocheranno con partite di andata e ritorno, con discriminante la differenza canestri. Le due vincenti i tabelloni play off sono promosse in serie A1, le due perdenti le finali disputano uno spareggio in campo neutro, per decidere chi farà l’ulteriore spareggio con la perdente dei play out di A1. Così le formazioni che disputeranno la A1 nel 2019/2020 diventeranno 14. Quanto alle retrocessioni dalla A2 alla B non si è ancora deciso nulla: tutto dipende dal numero di squadre che parteciperanno alla A2