EuroLeague - Repesa "Se avessimo avuto il 50% dell'intensità degli allenamenti avremmo visto un'altra partita"

21.12.2016 21:58 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 927 volte
EuroLeague - Repesa "Se avessimo avuto il 50% dell'intensità degli allenamenti avremmo visto un'altra partita"

Commento ai microfoni di Foxsport per Jasmin Repesa, che a pochi minuti dalla disfatta interna contro il Panathinaikos commenta partita e situazione d'animo: "Per prima cosa, sui tre quarti della nostra gara la parola che mi viene è vergogna, una parola molto forte. Ma onestamente sono stra-deluso perché abbiamo perso, sono stra-deluso dalla differenza di come abbiamo preparato la partita negli ultimi due giorni e come al contrario abbiamo poi giocato la gara. Se fossimo andati in tilt dopo aver sbagliato tiri aperti, lo capirei. Abbiamo fatto un attacco buono, come studiato in preparazione, palla dentro sei,sette, dieci volte e non è uscita una volta fuori; un buon attacco quando Dragic ha segnato la tripla dall'angolo, poteva sbagliare ma è stato un buon attacco. Nello stesso periodo loro tutti i tiri che hanno sbagliato gli hanno dato rimbalzo d'attacco, si è visto subito che eravamo senza concentrazione e senza attenzione non solo dei lunghi. Siamo andati in tilt ed stato difficile anche per lo staff rimanere sul campo. 

Io non sono abituato per prima cosa a perdere in questo modo; nella vita ci sta vincere e perdere, è la nostra vita. Come andare avanti dopo una sconfitta in questo modo onestamente è una cosa di cui dovremo parlare. C'è solo da tornare in palestra a lavorare e non c'è altro da aggiungere. Negli ultimi due giorni abbiamo fatto un ottimo lavoro di preparazione: se avessimo messo stasera il 50% di intensità degli ultimi due giorni sarebbe stata una partita diversa. Perché? E' una domanda... Il mio atteggiamento adesso? Normale. Facile dopo una gara così urlare, accusare qualcuno. No, io sono deluso ma con la mia esperienza so che devo dare prima di tutto calma alla squadra, rassicurare tutto l'ambiente, anche i tifosi sono delusi, abbiamo sentito tanti fischi che abbiamo meritato. In 20 anni di EuroLeague ho visto di tutto, ma senza fare paragoni questa è una situazione molto difficile, in cui non dobbiamo dire bugie a noi stessi perché sarebbe un problema in più".