Primi due punti in Eurocup per la Reyer femminile

06.11.2015 08:35 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Primi due punti in Eurocup per la Reyer femminile

Il legno del Taliercio addolcisce l’amarezza ancora presente nei ranghi veneziani dopo la sconfitta patita a Schio. L’Umana Reyer porta a casa i suoi primi due punti in Eurocup, seppur con qualche patema nella fase centrale della gara e può guardare fiduciosa all’incontro di domenica contro Napoli.
Iniziano bene le lagunari subito a segno dai 6,75 con Pan. Vucetic replica prontamente stracciando per 2 volte la retina veneziana. La palla recuperata di Christmas si traduce in due punti e nell’azione successiva l’ala USA di casa piazza la tripla del 8-4. Drammeh “scalda” la mano dalla lunga e accorcia. Primo break dell’Umana trascinata da 8 punti consecutivi di Carangelo e da Ruzickova che firmano il vantaggio in doppia cifra (18-7 a – 2,34). Ancora Drammeh per non perdere ulteriormente contatto ma prima Dotto, poi le appena entrate Sandri e Formica, chiudono il quarto sul 25 a 10.

La seconda frazione si apre con Drammeh precisa dalla lunetta alla quale risponde Christmas. Il botta e risposta tra le due formazioni è incessante e alle bombe di Bagnara e Dotto fanno seguito i canestri della “solita” Drammeh e Tunstull (33-21 a-4,23). Coach Orlando incita le sue ragazze che recuperano qualche punto grazie alla scatenata colored ospite ed a qualche imprecisione in attacco sul fronte orogranata. Liberalotto si fa sentire ma il parziale di quarto è a favore del Pecsi che arriva a metà gara sul 38-28.

Inizia bene l’Umana appena rientrata dall’intervallo lungo con la tripla di Christmas. Tunstull sembra particolarmente ispirata e da sotto riduce il gap con 5 punti che ridanno morale alle compagne. Il leggero incidente ad Handy, che si scontra con una compagna ed esce, non modifica l’inerzia della partita. L’Umana sembra affaticata e le magiare approfittano del bonus per rosicchiare punto su punto. Vucotic avvicina il Pecsi sino al -4 ma, fortunatamente, le lagunari ritrovano di colpo una miglior vena in attacco dopo lunghi minuti di appannamento. Christmas, va a segno di forza poi compie letteralmente una “magia” recuperando un pallone a metà campo e fornendo un assist a Fontenette che realizza. Ancora la guardia veneziana piazza un parziale favorevole che consente di fermare il tabellone del terzo periodo sul punteggio di 49 a 41.

Che le ungheresi credano di poter riacciuffare la partita è dimostrato dall’ennesimo show balistico di Drammeh che colpisce implacabilmente dai 6,75 per due volte riportando sotto i propri colori. Ecco allora Christmas che mette in campo la sua devastante fisicità strappando rimbalzi (saranno 9 a fine match) e gettandosi su ogni pallone. Tutta la difesa reyerina cresce di intensità e l’attacco ospite diventa asfittico dopo il canestro di Handy. L’Umana torna reattiva sotto i cristalli e recupera palloni preziosi distendendosi poi in velocità. Fontenette e un’azione da tre punti del centro slovacco chiudono di fatto il match mentre i tiri liberi di Christmas consentono di rimpinguare il vantaggio sino al 62 a 49 finale.

(Parziali: 25-10;38-28; 49-41)

Umana Reyer Venezia: Carangelo 9, Christmas 17, Pan 3, Bagnara 3, Sandri 5, Formica 4, Ruzickova 8, Dotto 7, Cubaj n.e., Fontenette 6

Pinkk Pecsi: Sarok Gemes n.e., Kovalcsik, Santa, Drammeh 24, Rujak, Nagj 1, Domokos n.e., Tunstull 9, Handy 6, Vucetic 9
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 13/39, tiri da 3 9/27, t.l. 9/11, rimb. dif. 27, rimb. off. 16, p.p. 11, p.r. 5, assist 15
Pinkk Pecsi: tiri da 2 12/42, tiri da 3 6/11, t.l. 7/10, rimb. dif. 29, rimb. off. 11, p.p. 17, p.r. 4, assist 8