Gruppo L - La fisicità dello Zielona Gora è schiacciante, la Reyer saluta l'Eurocup

10.02.2016 22:38 di Marco Garbin  articolo letto 636 volte
Gruppo L - La fisicità dello Zielona Gora è schiacciante, la Reyer saluta l'Eurocup

Una sfida contro ogni probabilità oggi va in scena al Taliercio, dove l'Umana Reyer Venezia deve obbligatoriamente battere i polacchi dello Stelmet Zielona Gora e, allo stesso tempo, sperare nella vittoria del già qualificato San Pietroburgo impegnato sul campo tedesco del Ludwigsburg per continuare la sua avventura in Eurocup ed approdare agli ottavi di finale contro l'Unics Kazan.

Ma l'impresa è folle, e anche se la speranza anima i cuori degli orogranata le notizie che arrivano dalla Germania tagliano ben presto le gambe ai veneziani, che smettono di crederci a metà gara. Troppo schiacciante anche la differenza fisica, punto debole ormai atavico della Reyer che subisce a rimbalzo in modo troppo netto e, complici anche le serate no di Bramos e Viggiano, deve fare a meno anche del solito contributo di punti fuori dall'arco.

L'Umana parte bene e grazie alle due triple di Ress va a condurre nei primi minuti di gara, ma lo Zielona Gora con un Bost devastante sottolinea che non dà molto peso al fattore campo e, nonostante le fiammate di Jackson e Savovic, ripassa avanti.

Grazie alla regia di Ruzzier e al buon Savovic, supportati da Owens e Tonut, la Reyer resta a galla fino a che Bost e compagni non decidono che la partita deve prendere la piega prestabilita e i polacchi arrivano alla sirena lunga avanti di uno.

Al ritono in campo le notizie non sono delle migliori: Ludwigsburg è avanti di 8 sul San Pietroburgo. E il morale Reyer scende ancora quando Moldoveanu e Zamojski portano lo Zielona Gora sul + 5. E' l'inzio della caduta libera e il penultimo quarto vede i polacchi avanti di +6.

La bella schiacciata del serbo Savovic apre l'ultimo quarto ma inizia il Ponitka show e gli ospiti volano a +12. La Reyer riesce a riportarsi a 6 lunghezze di distacco ma è solo questione di tempo dato che in Germania il Ludwigsburg ha saldamente la vittoria in mano contro i russi di San Pietroburgo, e il match si chiude 68:58. La Reyer saluta l'Eurocup 2016 ed gli ospiti festeggiano la qualificazione agli ottavi di finale.

Stelmet Zielona Gora - Umana Reyer Venezia 68:58 (22:18) (34:33) (54:48)

Zielona Gora: Bost 19; Szewczyk 2, Ponitka ne, Moldoveanu 8, Ponitka 12, Gruszecki 0, Hrycaniuk 5, Zamojski 9, Borovnjak 7, Djurisic 2, Koszarek 4.

Velona: Goss 5, Bramos 0, Tonut 3, Jackson 4, Ruzzier 5, Antelli 0, Owens 14, Ress 9, Ortner 1, Viggiano 2, Savovic 15.

Arbitri Gkontas (GRE), Dozai (CRO), Fritz (GER).