Questo basket non ci fa fare sonni tranquilli

16.02.2013 19:15 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 2296 volte
Masini-Jura
Masini-Jura

Dovunque vai, con chiunque parli, è sempre una pioggia di lacrime. Dura è la vita in Italia e pretendere che lo sport del basket non ne risentisse, è puro eufemismo. La crisi esiste da qualche anno, ma si è preferito guardare da altre parti anziché prendere il toro tra le corna affrontando il problema. Siamo bravi a ricordare i 15.000 spettatori di Roma all' Eur, e io ricordo anche i 12.000 del palazzone di San Siro per un derby tutto milanese tra Cinzano e Xerox, per esempio...E lo spettacolo era anche il pubblico...e in campo non c'erano tutti gli stranieri di adesso, quindi la pallacanestro piaceva anche quando la squadra allenata da Pippo Faina (l'Olimpia) aveva in squadra sette giocatori italiani e tutti cresciuti dal vivaio del Cinzano, Innocenti e Simmenthal, cioè dalla società. Frutto di un ottimo lavoro costruito sui giovani. La Pallacanestro Milano, invece, soffriva per non avere un settore giovanile di tale nome e le sue stagioni vivevano sull'acquisto e la vendita di giocatori italiani di qualità (un esempio per tutti la cessione di Gergati e Giroldi per avere Serafini). Le società erano "padrone" dei cartellini dei giocatori che erano il vero capitale aggiunto dai ricavi delle entrate degli sponsor e incassi. Son cambiati i tempi, non si è capito molto, e con l'introduzione dei Nas, ci sono società che si cuccano la fetta più grande ed altre a continuare a spendere. Qui le rivoluzioni non hanno portato che effetti distruttivi, la pallacanestro è finita in mani di pochi e i risultati sono quelli che abbiamo tutti davanti agli occhi lagrimanti. La legge Bosman ha fatto il resto. Ora si cerca di salvare il salvabile, ma bisogna farlo tenendo gli occhi ben aperti. Dispiace a tutti quando un amico perde il sorriso, ma se la realtà è ben diversa da quello che vorremmo, bisogna prenderne atto e adeguarsi. Una sconfitta può essere la ripartenza per tante vittorie, non dimentichiamocelo mai. (rb)

(c) Riproduzione riservata