Milano, quando il motore è ...ingolfato

05.12.2012 11:34 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1184 volte
Milano, quando il motore è ...ingolfato

(Giovanni Venuto) - Milano non è una citta' diversa dalle altre, quando si parla di pallacanestro, intesa come tifoseria, perche' è chiaro a tutti che ogni tifoso vuole veder vincere sempre la propria squadra, poi se queste vittorie continuano a essere scarse è normale la contestazione non solo dei supporters locali, ma anche quella della Societa' che ha investito molto e che sta raccogliendo poco sino a questo momento.
Quando si investono tanti soldi e tanta passione resta difficile aspettare a lungo senza raccogliere frutti copiosi, fatti di vittorie e conquiste di scudetti o Coppe Internazionali, a cui la citta' nell'ormai lontano passato aveva ben abituato i suoi tifosi.
Io cerchero' di dare un mio personale punto di vista su questa situazione, sperando di portare una modesta proposta aperta alle considerazioni di altri colleghi o addetti ai lavori.

La scheda tecnica Atleti dell'ARMANI MILANO registra:

n.3 Play (Giachetti-Stipcevic e Cook)
n.4 Guardie (Basile-Gentile-Langford-Hairston)
n.3 Ali (Fotsis, Hendrix e Melli)
n.2 Centri (Bourousis e Chiotti)

n.1 Capo All.re e n.3 Assistenti
n.1 Preparatore Atletico
n.4 Dottori
n.2 Fisioterapista
n.1 Osteopata


Mi viene da pensare che il Re Leonida con 300 valorosi soldati tenne inchiodati alle Termopoli un esercito di centinaia di migliaia di nemici. Forse a prima lettura l'esempio non calzerebbe  con l'argomento Armani Pallacanestro, pero' analizzando nel particolare piu' logico per esempio gli allenamenti, mi sembra che esista uno squilibrio nei ruoli di Guardia e Ali. Questo fatto a mio parere costringe ad un turnover continuo i giocatori, nel momento di provare e riprovare i sistemi d'attacco e difesa da opporre ad avversari che non regalano niente, anzi raddoppiano le loro energie, quando sono al cospetto dei milanesi.
Ergo, il ritiro lontano dalla citta' serve a far stare insieme l'intera squadra e forse qualcosa portera' di utile, ma ho sempre saputo che una toppa in una barca che fa acqua puo' fare un percorso breve in acque tranquille, ma non in un mare agitato come lo è la tifoseria della citta' di Milano.

(c) Riproduzione riservata