La Nazionale che sarà

20.08.2013 11:04 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Cusin e Aradori
Cusin e Aradori

(Giovanni Venuto*) - Tra non molto la ns. nazionale maggiore disputera' il Campionato Europeo, dopo essersi finalmente ben qualificata, alla fase finale. Tutti gli addetti, i media e gli appassionati del nostro sport si aspettano, giustamente di vedere gli Azzurri tra i protagonisti, cosa alla quale mi associo anch'io.
Dopo la premessa mi permetto con modestia di fare alcune considerazioni.
Nel ruolo di Play e Guardia, la squadra ha tanti giocatori di talento e se da un lato cio' è un pregio, poi pero' potrebbe essere anche un aspetto che costringera' lo staff tecnico a rotazioni quanto meno un po' complicate e non dimentichiamo che manchera' HACKETT per infortunio.
Nei ruoli di Ala piccola e Grande, anche se ancora persistono alcuni problemi di infortuni per BARGNANI e Gallinari, gli altri giocatori sono all’altezza. I problemi veri potrebbero venire dal settore Pivot, CUSIN e MAGRO sono dei buonissimi atleti, pero’ amano spesso giocare anche lontano dall’area pitturata, cosa certamente importante per dei numeri 5, ma piu’ importante per la squadra, forse sarebbe la presenza di atleti d’area, grandi, alti, atletici e grossi, che possano prendere rimbalzi importanti sia in difesa che in attacco e purtroppo in questa Nazionale non ne abbiamo. Poi andando a guardare le altre squadre  finaliste si scopre che nel RUOLO di CENTRO, come anche nell’altro fondamentale di PLAY, beh, lì i nostri avversari piu' forti hanno delle vere TORRI che giocano molto vicino al canestro e che potrebbero far molto male, se NON si trovassero le giuste alchimie, ma lo staff Tecnico della nostra Nazionale è molto qualificato ed esperto, quindi sono abbastanza sicuro che troveranno i giusti equilibri e alchimie tecniche per tornare con qualcosa di importante per la Nazionale e per l’intero movimento cestistico Italiano. In Bocca al LUPOOOOO !

*coach