Il Limoges frantuma un’Olimpia di porcellana

Fabbricatore rappresenta crudemente la delusione del popolo milanese
12.11.2015 23:00 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1295 volte
Il  Limoges frantuma un’Olimpia di porcellana

(di Carlo Fabbricatore). L’Olimpia Milano non è mai stata in partita nella gara più importante della stagione. A meno di miracoli il cammino in Euroleague potrebbe essere finito nel peggiore dei modi. Milano ha giocato malissimo in difesa: non ha mai sporcato le linee di passaggio e non ha mai contestato in modo adeguato i tiri da tre che i francesi hanno realizzato con percentuali molto buone.

L’attacco farraginoso con la palla troppo ferma ha permesso ai transalpini facili adeguamenti difensivi che hanno costretto i milanesi a tiri avulsi dal gioco. L’EA7 è stata letteralmente travolta dal Limoges che non si può proprio considerare un top team europeo e questo dovrebbe costringere la società milanese a delle riflessioni importanti sulla forza di una squadra che non ha messo in campo l’atteggiamento giusto per vincere in terra francese.

Le partite si possono perdere ma è obbligatorio mettere in campo tutte le energie. I giocatori dell’Armani sono sembrati  non in sintonia fra loro: troppe facce lunghe e rassegnate. In questo modo le partite di Euroleague non si vincono.

La percentuale del tiro da tre dell’Olimpia è il manifesto della partita: orribile per forzature e scelte sbagliate.

Analizzare le prestazioni dei singoli sarebbe impietoso dato che nessuno merita neanche la più stiracchiata sufficienza: tutti male in difesa e ancora peggio in attacco. Dalla Francia arriva l’ennesima delusione in Euroleague di una squadra che avrebbe dovuto fare del carattere la sua forza.

Buona Pallacanestro a tutti

Carlo Fabbricatore