Champions League - Sassari, stanchezza e arbitraggio: le considerazioni di Federico Pasquini

10.01.2018 23:40 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 449 volte
Champions League - Sassari, stanchezza e arbitraggio: le considerazioni di Federico Pasquini

Sala stampa per il coach della Dinamo Banco di Sardegna Federico Pasquini, chiamato a commentare la gara di Champions League al PalaSerradimigni persa contro l'Ucam Murcia. Il tecnico del Banco di Sardegna si lancia in considerazioni molto dure: “Innanzitutto devo parlare della questione arbitrale, perché risulto il piagnone che si lamenta. Il concetto è molto semplice: io non penso che gli arbitri debbano decidere le partite. La situazione di stasera sul finale è stata questa: a un minuto e mezzo dalla fine ci sono due squadre che se la stanno giocando, la differenza è di un possesso e mezzo e si chiama un fallo. Non vedo perché questa partita debba essere chiusa in questa maniera. Se poi il problema è che era stato fischiato un fallo tecnico 5 minuti prima agli avversari, allora dico che è una logica che non esiste, così come non esiste il fatto che proprio questa sera che abbiamo fatto una prestazione difensiva modesta alla fine noi abbiamo 30 falli e loro 18. Ecco questo mi sembra qualcosa di particolare, qualcosa che non mi piace. 

Avremmo perso lo stesso, lo ribadisco, avremmo perso lo stesso, però mi resta la rottura di coglioni di non avercela giocata noi, che siamo in campo come giocatori e allenatori, che lavoriamo per fare questo. Detto questo, per quanto riguarda la partita, non mi era mai capitato prima che dopo 6 minuti 4 giocatori mi chiedessero il cambio. Questo a dimostrazione del fatto che la partita contro Trento ci ha prosciugato molte energie. Da questo punto di vista, non siamo riusciti nel secondo e terzo quarto ad essere i soliti, ad essere brillanti dal punto di vista difensivo perché non eravamo reattivi come lo eravamo tre giorni fa. Siamo stati bravi a riagganciare la partita con delle situazioni strane, con dei quintetti atipici, giocando molto piccoli perché cercavo energie. Chiaramente giocando accelerati con degli assetti particolari ci può anche stare che abbiamo fatto qualche scelta offensive sbagliata. Non ho niente da rimproverare ai ragazzi perché era una partita contro un avversario di alto livello e qualità. Continuiamo a tenere accesa la fiammella, vogliamo crederci, abbiamo quattro partite da vincere. Adesso la corsa va su Karsiyaka che è quella che ci sta davanti con cui abbiamo differenza canestri positiva. Non voglio che nessuno si arrenda, questa sera è andata in questa maniera per cui complimenti a Murcia e peccato che non avessimo benzina come tre giorni fa”