Champions League - Avellino, De Gennaro: “Aris team solido e fisico, partita da vincere in difesa”

30.01.2018 11:15 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 190 volte
Champions League - Avellino, De Gennaro: “Aris team solido e fisico, partita da vincere in difesa”

Altra gara interna per la Sidigas Avellino che, dopo aver affrontato Brescia nella giornata di domenica, si prepara per il tredicesimo turno della Basketball Champions League. A sfidare i lupi sarà la compagine greca dell’Aris, attualmente fanalino di coda del gruppo D a quota 16 punti in classifica: il match avrà inizio alle ore 20.30 di mercoledì 31 gennaio e potrà essere seguito in diretta su Rai Sport, Eurosport Player o sul sito www.livebasketball.tv.

Queste le considerazioni dell’assistant coach biancoverde Gianluca De Gennaro:

 

L’attuale Aris è una squadra totalmente diversa da quella incontrata nella partita di andata, dal momento che ha cambiato 4-5 giocatori nel roster. È un team solido dal punto di vista strutturale e molto più fisico: hanno inserito Bochoridis, giocatore di 1,93m con ottima mano che, insieme ad Athinaiou e Bell, è uno degli esterni con più punti nelle mani; hanno poi Flionis, playmaker di riserva ma che gode di ampio minutaggio, altro mancino, con corsa, velocità di esecuzione al tiro e ottime percentuali dall’arco. Pericolosa è anche la loro batteria dei lunghi, che sono atipici perché, oltre che dal gioco in post, segnano molti punti anche dal perimetro. Dovremo quindi stare molto attenti in difesa, che sarà la chiave per portare a casa il match: l’Aris ha una media di 66.5 in attacco, per cui dovremo fare il possibile per tenerli sui 62 punti circa. Sarà una partita da vincere in difesa, prestando particolare attenzione ai loro contropiedi, agli 1 vs 1 e all’importante aspetto dei rimbalzi, non lasciandogli secondi tiri; in attacco, invece, dovremo essere la Scandone che gioca con esecuzione, muovendo la palla da entrambi i lati del campo e non forzando le soluzioni, bensì facendo il possibile per aprire la difesa dei greci”.